Image1

thumb-riabilitazione

thumb-cure-palliative

radiologia

poliambulatori

laboratorioanalisi

I Principi Fondamentali

Nell’erogazione dell’assistenza sanitaria, tutte le attività vengono svolte applicando i seguenti principi:

 

Eguaglianza, imparzialità e partecipazione: 


Le prestazioni erogate dalla Casa in regime di ricovero comprendono:

flag ok L’assistenza medica;
flag ok L’assistenza infermieristica;
flag ok Le metodiche riabilitative;

Ogni atto o procedura diagnostica, clinica, strumentale e terapeutica necessaria ad affrontare le patologie ricomprese nelle discipline per le quali la Casa di Cura è autorizzata e accreditata.

Ai malati è dovuto il miglior trattamento possibile, usufruendo, su indicazione del medico curante e previa valutazione degli specialisti interni, dei servizi diagnostici, terapeutici e di recupero funzionale in esercizio nella Casa per le patologie trattate, indipendentemente da classe sociale, età, fede religiosa, opinioni politiche ed ogni altro criterio potenzialmente discriminatorio.

I malati possono richiedere ed ottenere informazioni precise su ogni tipo di trattamento ed il diritto di rifiutarlo nei modi e forme che saranno loro comunicati.
In ogni reparto sono indicati luoghi e orari in cui il paziente può richiedere informazioni avendo garantita ogni riservatezza.
All’atto della accettazione il paziente dovrà segnalare se desidera che informazioni sul suo stato di salute siano comunicate ai parenti, nel qual caso questi potranno accedere al personale medico nei medesimi luoghi ed orari indicati per i degenti.
I degenti hanno diritto al rispetto del proprio corpo e della propria dignità di persone umane in tutte le fasi del processo sanitario ed in ogni atto o terapia praticato su di essi: il personale medico, infermieristico e tecnico avrà cura di limitare al massimo i disagi e la sofferenza connessi a pratiche invasive. Tutto il personale è tenuto al segreto professionale e non può divulgare in alcun modo e forma dati, fatti o dichiarazioni relative agli assistiti in trattamento.
Le pratiche e le metodiche per le quali la legge prevede il “consenso informato” devono essere precedute da una informativa a cura del personale sanitario il quale, con parole chiare e comprensibili, deve illustrare le finalità ed il significato degli atti proposti, gli eventuali rischi connessi ed i risultati diagnostici o terapeutici raggiungibili. Solo dopo potrà essere richiesta al malato la sottoscrizione della modulistica per l’assenso alla effettuazione delle pratiche illustrate.
Il personale addetto all’assistenza deve rispettare nella maniera più rigorosa le norme igieniche ogni volta che manipola cibi, medicinali, presidi sanitari e ove necessiti il contatto fisico tra operatore e paziente. Nei locali di degenza o comunque dedicati ad attività sanitaria vige il più totale divieto di fumare per chiunque, operatore, paziente o visitatore. È inoltre vietato l’uso di telefoni cellulari od altri congegni elettronici che possano interferire con apparecchiature in funzione.
 

Continuità assistenziale:


La Casa assicura continuità assistenziale ai malati dimessi mediante l’accesso alle strutture poliambulatoriali gestite dai medesimi specialisti ed ai servizi diagnostici secondo la normativa stabilita dal Servizio Sanitario Nazionale.

Essa intende promuovere ogni utile iniziativa affinché si realizzi la migliore collaborazione tra gli specialisti ivi operanti ed il medico di fiducia dell’assistito, al fine di favorire la più appropriata continuità clinica e terapeutica nei trattamenti effettuati in fase di ricovero ed al domicilio.
Conseguentemente il Medico di fiducia potrà assumere presso i professionisti della Casa tutte le informazioni in ordine alla evoluzione della patologia in trattamento, alla prognosi, alle prescrizioni terapeutiche ritenute più appropriate, nonché fare visita al proprio assistito ove lo ritenga utile.
 

Diritto di scelta:


Come è noto nel nuovo ordinamento sanitario il cittadino ha il diritto di scegliere il luogo di cura tra tutte le strutture pubbliche e private accreditate e che abbiano stipulato un contratto di erogazione con la ASL territorialmente competente.
 

Efficacia ed efficienza:


Il servizio viene erogato in modo da garantire l’efficacia e l’efficienza del processo assistenziale valutato periodicamente con controlli interni ed esterni.
 

Umanizzazione:


Educazione, rispetto, cortesia e disponibilità devono essere gli aspetti più qualificanti dei servizi resi al cittadino.